Lo so, divento antipatico ma è sempre meglio che ipocrita.

Ho visto un post su Facebook oggi che mi ha fatto sorridere di quel sorriso che forse è un po’ amaro. Diceva “Un giorno troverai un uomo fedele, affettuoso, attento, che non gli importi il tuo peso, se hai smagliature, cellulite o rughe. Che ti dia la buonanotte, il buongiorno, che ti chieda se hai mangiato, se stai bene. E questo sarà chi ne varrà davvero la pena”. Tralasciando l’italiano non proprio corretto, mi ha fatto comunque riflettere.

Ho pensato, certo, bisognerebbe però aggiungere  “E probabilmente diventerete migliori amici!”.

Se lo avessi scritto io quel post sarebbe continuato con “E non vi romperete le palle, se non per costringere l’altro ad uscire dopo che ha avuto una giornata o una settimana pessima, e non importerà a nessuno se tu non avrai i tacchi e lui avrà una maglietta stropicciata, e non sarà importante che i tuoi capelli facciano schifo e la sua barba sia di tre giorni. Probabilmente potreste essere in pigiama a mangiare una pizza e quelle insieme sarebbero comunque le ore in cui scollegare la mente da tutti i casini. O forse li affronterete insieme, sviscerando i pensieri senza le barriere ed i filtri che di solito si mettono in una relazione. Probabilmente ad un certo punto della discussione in cui tu stai cercando di capire la mente maschile lui ti dirà “Minchia che culo quella!”. Oppure mentre lui ti racconterà che tra partita, riunioni, compleanni non riesce ad andare in palestra e tu dirai “Sì ho capito ma me lo presenti quel tipo?”. E se vi vedete poco avrete così tanti argomenti, aggiornamenti, sospesi da trattare che salterete di palo in frasca mentre, perdendo totalmente il filo del discorso ordinerete l’ennesimo drink.  Ad un certo punto le discussioni saranno “E noi cosa gli abbiamo risposto?” “Ma sì, lo sai che ce ne freghiamo!”, sarà una squadra, una squadra fortissimi. Perchè due amici uomini limitano a:

“Sono uscito con Marta”
“Dai grande, te la sei scopata?”
“Sì”
“Ok, beviamo. Media anche tu?”

Le discussioni tra solo femmine, ve le risparmio perchè io per raccontare una cosa ad una amica, che comprenda un mezzo sentimento ci metto minimo una serata intera, compresi intervalli di “Oh senti questa canzone, capisci che ho ripensato a quella volta in cui..” e “no aspetta, ti faccio vedere la sua bacheca del 2009”.

Le discussioni tra amico maschio e femmina, sono un buon mix delle cose, perchè l’amico maschio ti aiuta a farti un terzo delle seghe mentali tipo “ha messo il punto dopo la frase, dici che voleva chiudere il discorso? Cioè su Whatsapp non si mette il punto, oddio io lo metto solo se non incazzata!” un amico non te lo dirà mai. Al più ti dice “se ti scrive, gli interessi”. Così, l’amico la risolve con la base proprio.

Di contro l’amica femmina ha tutto quel bagaglio di inculate o di comportamenti da stronza che ha vissuto e fatto vivere che ne sa di più di sfumature. Molte volte a lei sarà chiesto di tradurre i messaggi scritti e non verbali delle altre femmine. “Oh ma non mi guarda mai, non le interesso proprio” “Ennò caro amico maschio, è lì il segreto, se non ti caga le interessi!” , senza contare poi al “Oh, devo portare la morosa a cena, dove vado?” e tu sfoderi l’elenco dei locali, ristoranti, castelli più romantici in cui sei stata, meglio di un qualunque Trip Advisor, perchè tu in quei locali TI CI SEI FATTA PORTARE! E probabilmente dietro al maschio che ti ci ha portato c’era una femmina che glielo ha suggerito. Ecco, sarebbe meglio che amica e fidanzata si mettessero d’accordo già da subito, saltando la finta del “chissà dove andremo”, ma le donne sono acidelle, si fidano poco pensano sempre che tu gli voglia fottere il moroso. In senso letterario eh. E invece no!

Io ho sempre pensato che un maschio DEVE avere una amica femmina di lunga data perchè 1 se se la doveva fare se l’è già fatta e se non stanno insieme ci sarà un perchè, 2 se sono amici e non fidanzati, da capo, ci sarà un perchè.

Che poi io amo e adoro le mie amiche, sono per me una parte irrinunciabile della vita, sono spesso la mia ancora di salvezza ed in questi anni più che mai. Non si possono paragonare i due tipi di rapporti.

Tra femmine è più tipo “No tesoro, stasera non esco sono a pezzi, mi mangio una cosa e nanna presto!”, per dire la stessa cosa al mio amico maschio, l’altra sera mi sono accorta di poter essere scambiata serenamente per Bud Spencer perchè alla sua proposta di fare aperitivo ho risposto con un “Ma figurati, ho comprato una bistecca con l’osso, accendo la griglia, birra, guardo un film in mutande sul divano e vado a dormire!” Non sono scelte di linguaggio calcolate o premeditate, sono abitudini diversi, modi di comunicare che seppure veri alla stessa maniera hanno metodi completamente diversi.

E poi c’è poco da fare, l’amico maschio avrà sempre un amico da presentarti, e tu avrai sempre un’amica improvvisamente single!”

Commenti chiusi